Basilica della Quercia di Visora - Marketing e Turismo Reventino

Basilica – Santuario Maria SS. delle Grazie della Quercia di Visora

Meta costante dei pellegrinaggi di migliaia di fedeli, la suggestiva Basilica sorse in seguito alle apparizioni mariane del 1578, nelle quali la Vergine, manifestandosi ad un pastore in prossimità di una grande quercia, chiese l'edificazione di un luogo di culto in località Visora.

I lavori iniziarono due anni dopo, e l'impianto attuale è frutto dei rimaneggiamenti succedutisi nei secoli; il prospetto è tardo ottocentesco, in stile neoclassico, con facciata scandita da lesene e grandi colonne dai capitelli ionici, che sorreggono un' ampia loggia.

Internamente, massicci archi separano le navate, delle quali la centrale è culminante in un monumentale altare maggiore in marmi policromi, sormontato da edicola e nicchia contenente la statua della Vergine. Rilevante è la presenza del "Quadro Divino", misterioso dipinto raffigurante la Vergine e ritenuto miracoloso, rinvenuto nel santuario 1581 e realizzato da mano sconosciuta, forse "divina".

Il soffitto è interamente affrescato con scene bibliche dei pittori Zimatore e Grillo ed è decorato da stucchi; degne di nota sono la statua seicentesca raffigurante la Madonna con Bambino e quattro tele realizzate da Stefano Macario.

Esternamente è conservato l'antico arbusto delle apparizioni, divenuto simbolo della città di Conflenti.