Soveria Mannelli - Marketing e Turismo Reventino

Descrizione

Soveria Mannelli sorge a 774 m s.l.m. e confina con i Comuni di Bianchi, Colosimi, Pedivigliano, Carlopoli, Decollatura e Gimigliano. Comune montano della Sila piccola della provincia di Catanzaro è costituito dal capoluogo e dalle località Bivio Bonacci, Celifetto, Colle, Santa Margherita, Cupa, Gesonte, Pirillo, Santuopo, e case sparse.

La parte più antica dell’abitato sorge in alto, mentre quella più recente si estende lungo la Strada Statale 19 delle Calabrie.

Da visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, la Chiesa di San Michele Arcangelo, la Chiesa della Madonna degli Abbandonati. In località Monticello sorge Palazzo Passalacqua, costruito nel 1668 e caratterizzato da un´ampia terrazza panoramica che poggia su un porticato a cinque archi.

All’interno del Palazzo Municipale, oltre la  sala consiliare delle Libertà affrescata da Dolorès Puthod,  è ospitata una raccolta di dipinti dei pittori contemporanei Rotella e Turchiaro. 

Particolarmente interessante è il Museo Laboratorio del Tessile in cui è presente la più antica fabbrica calabrese della lana, fondata nel 1873. L'opificio conserva ancora maestosi e suggestivi attrezzi, di cui buona parte risalenti alla fine del ´800, perfettamente funzionanti ed utilizzati per la normale produzione.

Cenni Storici:

Il paese sorse e si sviluppò, a cavallo tra il XVI e il XVIII sec., nel territorio di Scigliano di cui divenne casale.

Fu concesso in feudo alla famiglia cosentina Passalacqua che costruì un palazzo con annesso oratorio in località Monticello, tra Fornello e Mannelli.

Si tramanda che la zona fosse particolarmente ricca di sugheri, particolare che ha indotto molti a rintracciare in questa parola l’origine del nome.

Nel corso del XVIII secolo il paese assistette a un forte incremento demografico. Molte famiglie sciglianesi, infatti, si trasferirono nei casali, dove possedevano terreni e case, abbandonando luoghi sempre più colpiti da epidemie e abitazioni danneggiate dai continui terremoti. Soveria diventò Comune il 19 gennaio 1807.

In questo secolo la sua storia si è arricchita di due episodi emblematici: il primo, ricordato su una lapide che si trova in località Mannelli Bassi e denominato “Vespri Soveritani” e relativo alla rivolta popolare del 22 marzo del 1806.

In quel giorno, infatti, i soveritani, a seguito dell’affronto offensivo ad una donna, reagirono all’occupazione dei Francesi. E’ opinione ormai accertata che la sommossa Soveritana costituì la scintilla che fece divampare la rivolta antifrancese in Calabria e nell’intero mezzogiorno.

L'altro episodio, invece, è legato al passaggio di Garibaldi in Calabria. L'esercito borbonico infatti, al comando del generale Ghio, si accampò nel territorio di Soveria per tentare di bloccare la marcia della spedizione dei Mille. Dodicimila soldati appostati in attesa dell’agguato a sorpresa.

Garibaldi però, informato delle intenzioni del nemico, ordinò ai corpi volontari di affrettare l’avanzata e di chiudere tutti i passaggi. I garibaldini, quindi, riuscirono a circondare l’esercito borbonico che il 30 agosto 1860 dovette accettare la resa.

 

Luoghi di interesse, itinerari naturalistici e ospitalità

Scopri le attrazioni, i luoghi di interesse sul territorio, gli eventi e le manifestazioni culturali. Cerca le strutture ricettive e di ristorazione in cui avrai ospitalità e servizi.

SCOPRI IL TERRITORIO

Scopri i luoghi di interesse sul territorio del comprensorio comunale, le attrattive sul turismo locale, l'arte, la storia, gli eventi socio-culturali e religiosi.

Visualizza

ITINERARI NATURALISTICI

Scegli l'itinerario desiderato tra quelli enogastronomici, storico-culturali, naturalistici, cicloturistici, trekking e escursionismo. Visualizza il percorso attraverso la mappa interattiva.

Visualizza

SERVIZI E OSPITALITA'

Cerca le strutture ricettive, la ristorazione e l'artigianato locale, oltre ai servizi legati alle iniziative, il tempo libero, la musica, il cinema e i luoghi di benessere.

Visualizza